Una serra intelligente nata a scuola migliora la produttività dei terreni

Il prototipo di APS 2.0 è stato realizzato da cinque ragazzi dell’Istituto tecnico tecnologico “E. Majorana” di Milazzo (ME)
didascalia.

Il prototipo della serra APS 2.0 .

Data:07 Aug 2020

Giovanissimi, ma con tanta voglia di innovare. E’ questo lo spirito che ha guidato il progetto “Green Savers JA”, i "salvatori del verde", una mini impresa rappresentata da cinque ragazzi dell’Istituto tecnico tecnologico “E. Majorana” di Milazzo, in provincia di Messina. Green Savers JA nasce all’interno del programma didattico Skills for Future, gestito da JA Italia in collaborazione con EIT Food (consorzio pan-Europeo che si occupa di imprenditorialità e innovazione nel settore food).

“L’idea alla base della nostra mini impresa - spiegano gli studenti Davide Costa, Stefano La Malfa, Alessandro Ruggeri, Giuseppe Spadaro, Ludovico Vinciguerra - nasce ufficialmente il 29 ottobre 2019 durante l’innovation camp di Skill for Future, presso la riserva naturale di Vendicari, in Sicilia. In occasione di quell'evento siamo stati chiamati a partecipare ad una challenge relativa al tema agricoltura 4.0 per aumentare la produttività dei terreni agricoli utilizzando metodi e sistemi dell’agricoltura di precisione per una gestione più efficiente delle risorse”. 

Green Savers JA si pone l'obiettivo di aumentare i profitti delle aziende agricole riducendo le perdite causate dalle condizioni meteorologiche sfavorevoli. Eventi atmosferici avversi riducono infatti qualità e quantità del prodotto e nei casi più sfavorevoli possono portare alla quasi completa distruzione di una coltivazione. Green Savers JA mira pertanto a coniugare i benefici e i vantaggi di una coltivazione in campo aperto con la garanzia di una rapida e precisa azione protettiva nel caso di eventi atmosferici avversi. Tutto questo garantendo un impatto paesaggistico e ambientale inferiore a quello delle serre tradizionali.

Green Savers JA produce APS 2.0, una struttura intelligente capace di proteggere le coltivazioni adattandosi alle diverse condizioni climatiche. Mediante una scheda a microcontrollore, dei sensori e due teli protettivi motorizzati, APS 2.0 sceglie autonomamente il tipo di protezione da offrire alle coltivazioni, proteggendole, all’occorrenza, da eccessivo irraggiamento solare, pioggia, grandine, gelo e vento.

APS 2.0 interviene solo in caso di condizioni meteorologiche avverse, garantendo alle coltivazioni di potersi sviluppare all'aria aperta in caso di condizioni meteorologiche “normali".

È anche prevista la possibilità di alimentazione elettrica della struttura mediante pannelli fotovoltaici, il controllo da remoto mediante connessione a internet e l'interazione autonoma tra APS 2.0 e siti specializzati nel fornire dati relativi alle previsioni meteorologiche.

“Il prototipo di APS 2.0 - afferma il professor Stefano Gitto, che coordina i ragazzi nel progetto - è stato realizzato prima della chiusura dell’Istituto causata dell’emergenza covid-19. Il lockdown, durato più di tre mesi, ci ha impedito di poter curare la parte commerciale, ma ci siamo comunque concentrati su aspetti meno pratici e più progettuali, soprattutto la cura dei dettagli tecnici e degli aspetti relativi alle strategie di marketing”.

Green Savers JA ha ricevuto feedback positivi da agronomi e imprenditori agricoli locali e da associazioni del settore agricolo, come la Coldiretti. “La nostra mini impresa - continua Gitti - ha inoltre ricevuto prestigiosi riconoscimenti ottenuti in seguito alla partecipazione all’evento internazionale di chiusura del programma Skill for future a Bruxelles, e la vittoria come miglior mini-impresa italiana che ci sta consentendo di competere a livello europeo per il premio migliore mini-impresa europea. Visti i primi e incoraggianti successi ci auguriamo di poter ottenere al più presto anche soddisfazioni sul piano produttivo e commerciale, costruendo e vendendo il nostro primo impianto in scala reale. Siamo infine consapevoli che il percorso, appena intrapreso, sarà lungo e impegnativo e richiederà il continuo supporto di esperti tecnici ed economici”.

CLICCA QUI e scopri il funzionamento di APS 2.0.

Agrifoglio n. 98 -  

Temi
Ricerca e Innovazione
Autori
Giovanni Martemucci

FPA srl