PAT, 14 in più per la Basilicata

Sono 9 quelli segnalati dall'ALSIA, e l'elenco regionale di quelli riconosciuti complessivamente dal Ministero tocca ora quota 149

Tarallo della sposa di San Paolo Albanese

Tarallo della sposa di San Paolo Albanese

Data : 25 February 2020

Si allunga l’elenco dei PAT, i prodotti agroalimentari tradizionali italiani made in Basilicata, che in totale diventano 149. Sono infatti 14 i nuovi prodotti riconosciuti dal MIPAAF, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, “ottenuti con metodi di lavorazione, conservazione e stagionatura consolidati nel tempo, omogenei per tutto il territorio interessato, secondo regole tradizionali, per un periodo non inferiore ai 25 anni”.

L’aggiornamento dell’elenco nazionale, pubblicato sul supplemento ordinario n. 9 della Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 2020, parla chiaro: ben 9 dei 14 PAT di nuovo inserimento sono stati segnalati dall’ALSIA, l’Agenzia lucana di sviluppo e innovazione in agricoltura, alla Regione Basilicata, e da questa al Ministero: Cece rosso di Latronico, Cece tondino di Latronico, Cipolla bianca di Francavilla, Farina di cece di Latronico, Nastruss di Calvera, Cuccìanojese, Pitta di Grandinii di Calvera, Tarallo della sposa di San Paolo Albanese, Insalata gialla e rossa di Castronuovo di Sant'Andrea. Nell'elenco c'è anche la revisione della Shtridhla di San Paolo e San Costantino Albanese. Un importante traguardo per l’ALSIA, che conferma la qualità del lavoro svolto in questi anni a supporto della promozione delle tradizioni enogastronomiche del territorio lucano.

Gli altri PAT lucani riconosciuti sono: Olive secche sott’olio o Olive seccate di Cornacchiola (Vietri di Potenza), Nuglia di Laurenzana, Olio di Cornacchiola di Vietri di Potenza, U’ frrcidd (Viggiano), Mir cutt (Lavello).

Nel registro nazionale, i prodotti sono distinti in base alle seguenti tipologie: bevande analcoliche; distillati e liquori; carni fresche e loro preparazione; formaggi; prodotti vegetali allo stato naturale trasformati; paste fresche e prodotti  della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria; prodotti della gastronomia; preparazioni di pesci; molluschi e crostacei e tecniche particolari di allevamento degli stessi; prodotti di origine animale (miele, prodotti lattiero caseari di vario tipo, escluso il burro).

Su proposta delle Regioni, l’aggiornamento periodico dell’Elenco nazionale viene effettuato dal MIPAAF, che ne cura anche la promozione in Italia e all’estero.

Redazione