BIOL, domande entro il 28 febbraio

A marzo 2021 conosceremo il miglior olio extravergine biologico del mondo nella 26ª edizione del prestigioso premio internazionale

Data : 08 February 2021

C'è tempo fino al 28 febbraio 2021 per partecipare alla 26ª edizione BIOL, il prestigioso riconoscimento internazionale che premia il miglior olio extravergine del mondo. Possono partecipare al concorso "i produttori individuali, le cooperative olivicole e confezionatori di olio extravergine di oliva che utilizzano e praticano il metodo di agricoltura biologica secondo gli standard dell’IFOAM (International Federation of Organic Agriculture Movements) e/o la normativa nazionale, comunitaria e internazionale vigente". Inoltre, "gli oli ammessi al concorso sono soltanto extravergini provenienti da agricoltura biologica, opportunamente controllati e certificati ai sensi delle norme IFOAM e delle normative nazionali, comunitarie, internazionali vigenti. Gli oli dovranno risultare conformi alla normativa COI in materia di classificazione degli oli di oliva, e provenire da un lotto omogeneo d’olio di almeno 500 litri, ottenuto nella recente campagna olivicola 2020-2021."

Il Premio BIOL è nato nel 1996 ad Andria, in Puglia, su iniziativa del C.i.B.i., il Consorzio italiano per il Biologico, e dello staff tecnico del Programma Olio & Qualità. L'edizione 2020, tra i 500 oli in gara provenienti da 15 Paesi, vide un podio tutto italiano: il primo posto andò al pugliese “Mimì Coratina” dell'Azienda Agricola Donato Conserva; secondo, il “Viride Bio Coratina” prodotto da Frantoio Marsicani della Campania; il terzo fu il "Quattrociocchi Classico" dell’Azienda agricola laziale Quattrociocchi. Alla fase finale partecipò anche - con una doppia medaglia extragold - l’Azienda agricola Vincenzo Marvulli di Matera per il “Cenzino Ogliarola del Bradano” e  il “Cenzino coratina”, già vincitore di Biol Novello 2019, mentre altri importanti riconoscimenti per la Basilicata ci furono con la medaglia silver del "Mantenera" di Tricarico, del denocciolato Aurum del Frantoio oleario fratelli Pace di Pietragalla e per “La majatica” di Angelo Valluzzi di San Mauro Forte, tutti pubblicati nella tradizionale Guida annuale degli oli BIOL.

"Si trattò di una manifestazione atipica - ricorda Giovanni Lacertosa, del Centro di Ricerca dell'ALSIA "Metapontum Agrobios", componente del panel lucano di assaggio e confermato anche quest'anno tra i componenti della giuria internazionale di BIOL. L'emergenza sanitaria da covid-19 - racconta Lacertosa - ci costrinse ad effettuare le valutazioni da remoto, ma questo non ci impedì di valutare, e bene, oli di qualità eccellente. L'esito del concorso fu comunicato in diretta Facebook".

Per partecipare all'edizione 2021, occorre prima registrarsi al sito del premio compilando il modulo online (CLICCA QUI per accedere al modulo). Ogni altra informazione può essere ricavata dal SITO WEB del Premio.

Redazione