Il peperone di Senise IGP alla ribalta a Firenze

Una giornata dell’evento “Settimana Lucana, Radici e Percorsi” dedicata all’oro rosso del Pollino

Un momento del Convegno

Un momento del Convegno

Data : 22 September 2023

Nell’ambito della VII edizione della “Settimana Lucana, Radici e  Percorsi”, curata dall’Associazione Lucana Firenze, il 15 settembre scorso nella splendida cornice di Palazzo Portinari Salviati di Firenze, si è tenuta una giornata dedicata a quello che è stato definito “l’oro rosso del Pollino” e che senza dubbio è uno dei prodotti più iconici della Basilicata: i Peperoni di Senise che da tempo hanno ricevuto il marchio europeo IGP (Indicazione Geografica Protetta) e che trovano un crescente apprezzamento soprattutto nei piatti a base del peperone essiccato e fritto.

Obiettivo del seminario, curato dall’attenta regia di  Maria Silvestri e moderato dalla presidente dell’associazione Antonella di Noia, è stato presentare alla platea fiorentina il prodotto IGP, non solo nei suoi aspetti culinari ma anche nello stretto legame con il territorio e chi lo abita e custodisce, tra tradizione e innovazione.

Elia Renzi, della Società Toscana di Orticoltura, ha descritto il territorio di produzione dei peperoni IGP, ricadente prevalentemente nel Parco Nazionale del Pollino, in un’ottica paesaggistica di sostenibilità e resilienza.

Giuseppe Arleo, del Consorzio di Tutela dei Peperoni di Senise IGP, ha portato la testimonianza dei produttori e confezionatori del peperone, custodi dell’agro-biodiversità ma anche innovatori in quanto imprenditori agricoli che devono confrontarsi sul mercato.

Ed un focus sull’innovazione “al servizio” della  tradizione, concetto apparentemente in contrasto, è stato portato da Aniello Crescenzi, direttore dell’Agenzia lucana di sviluppo e innovazione in agricoltura (ALSIA) e Arturo Caponero, agronomo dell’ALSIA, con esempi concreti di programmi di consulenza e assistenza tecnica ai produttori del Consorzio per il mantenimento delle elevate qualità del prodotto IGP, la resilienza ai cambiamenti climatici, la sostenibilità ambientale ed economica della coltura, l’adattamento all’evoluzione della normativa in materia di sicurezza alimentare.

Ultima, appassionata, relatrice è stata Mariella Policicchio, titolare della pasticceria di famiglia “Giulia” di Senise, impegnata a creare prodotti a base del peperone IGP ispirati alla tradizione ma nuovi nella preparazione e che possono essere trasportati, conservati e acquistati anche mediante il web.

La serata si è conclusa con la possibilità per gli intervenuti di “testare” direttamente i prodotti a base di peperoni IGP di  Senise, gentilmente offerti dal Consorzio di tutela e dalla pasticceria Giulia ed una originale degustazione curata dal padrone di casa, lo chef Vito Mollica.

“Siamo grati all’Associazione Lucana Firenze – ha dichiarato Aniello Crescenzi - per la riuscita iniziativa e per l’opportunità di divulgare e promuovere in una delle maggiori città d’arte italiane, frequentata da turisti di tutto il mondo, i Peperoni di Senise IGP. Questo prodotto è ambasciatore della nutrita schiera di prodotti tradizionali della Basilicata, regione nel cuore del Sud Italia, ricca di biodiversità agricola che “agricoltori custodi” mantengono tra tradizione e innovazione”.

Arturo Caponero

Le donne vittime di violenza e stalking attraverso il numero verde 1522, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per le pari opportunità, attivo 24 ore su 24 e accessibile da tutto il territorio nazionale, possono chiedere aiuto e sostegno nonché ricevere informazioni. L'assistenza telefonica consente un graduale avvicinamento ai servizi con assoluta garanzia di anonimato.
Il Comitato Unico di Garanzia dell' ALSIA