Polizze agevolate in agricoltura: nel 2019 crescono del +5,1%

Il Rapporto sulla gestione del rischio 2020 fa segnare il record di valori assicurati

Data : 14 May 2020

Crescono del  5,1% le polizze agevolate in agricoltura. I numeri della campagna assicurativa agricola 2019 confermano, per il terzo anno consecutivo, l’andamento positivo del mercato agevolato, con il primato assoluto in termini di valori assicurati, pari a quasi 8,3 miliardi.
Lo dicono le elaborazioni Ismea contenute nel Rapporto sulla gestione del Rischio in agricoltura 2020. La composizione del portafoglio assicurativo conferma la forte concentrazione dei contratti sulle colture vegetali, la cui quota di mercato si attesta al 72%, contro il 16% della zootecnia e il 12% delle strutture.

Si consolida (+4%) anche la dimensione del mercato assicurativo agevolato delle colture vegetali, a 5,9 miliardi (il secondo miglior risultato dopo quello del 2014), in un contesto che e’ apparso invece meno dinamico per le polizze zootecniche, il cui valore e’ aumentato solo dello 0,4%, a 1,3 miliardi di euro. Complessivamente il mercato assicurativo ha coinvolto nel 2019 circa 76 mila aziende, di cui quasi 64 mila nel comparto vegetali.

Con riferimento alle uve da vino e alle altre colture, le elaborazioni Ismea confermano il primato delle regioni settentrionali, che per valori assicurati concentrano l’81,4% del totale. E’ sensibilmente aumentata, di contro, la partecipazione delle regioni meridionali, comprese le isole, che dall’8,2% del 2018 si e’ spinta al 10,4%.

Nel Mezzogiorno il numero delle aziende assicurate ha superato per la prima volta la soglia delle 10 mila unità, con una crescita del 15,3%, in un contesto in cui la polizza “due rischi”, autorizzata dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali a partire dalla campagna assicurativa 2018 come strumento di transito verso la multirischio, sta favorendo la diffusione anche al Sud delle assicurazioni agevolate.
Questi risultati, spiega l’analisi, si combinano con l’importante traguardo raggiunto dal Programma nazionale di sviluppo rurale che registra buone performance in termini di avanzamento della spesa (+22% rispetto al 2018), esclusivamente riconducibili ai circa 300 milioni di euro erogati nel 2019 nell’ambito della Misura 17 sulla gestione del rischio.

M. Agata