Goji, una coltura promettente?

Buone prospettive se si punta sul prodotto fresco e sul trasformato, ma serve un progetto di valorizzazione
didascalia.

Bacche mature di goji.

Data:28 Jul 2020

Il goji (Lycium barbarum) è un arbusto (figura 1) appartenente alla famiglia delle Solanacee (la stessa di melanzane, pomodori, patate e peperoni) coltivato e utilizzato da migliaia di anni in Asia orientale (Cina settentrionale, Mongolia, Tibet, valli dell’Himalaya).

I suoi piccoli frutti (bacche) hanno un elevato contenuto di vitamine, sali minerali e aminoacidi e sono utilizzati come integratore alimentare atto a contrastare i radicali liberi, a stimolare il metabolismo e a rinforzare il sistema immunitario. Il loro potere antiossidante è stato riconosciuto dal Ministero della Salute, come si legge a pagina 35 dell’Allegato 1 al DM 9 luglio 2012 sulle “Sostanze e preparati vegetali ammessi”. 

Si tratta quindi di uno di quegli alimenti caratterizzati da numerose proprietà benefiche per l’organismo grazie all’elevato contenuto di antiossidanti e di polifenoli, il cui consumo si sta diffondendo da alcuni decenni anche in Occidente, Italia compresa, e il suo impiego si va affermando anche in campo cosmetico.

Il report dell’ISMEA sui consumi alimentari delle famiglie italiane, n. 3 di settembre 2017, riporta che “Il 67% dei consumatori intervistati si dichiarano attenti agli ingredienti dei prodotti che acquistano, e curiosi e ben disposti a provare nuovi prodotti che potrebbero avere effetti benefici sulla salute. Ne sono una prova le vendite di prodotti arricchiti: ad esempio, quelli con bacche di goji crescono a doppia cifra (+64%)..”.

In commercio è facilmente reperibile il prodotto essiccato la cui provenienza è quasi sempre cinese, ma d’altro canto sono frequenti i richiami, da parte del Ministero della Salute, per bacche di goji con residui di pesticidi oltre i limiti di legge, in particolare per la presenza di carbofuran (insetticida) e esaconazolo (fungicida).

E allora, cosa impedisce al goji italiano di decollare?

Di per sé, la coltivazione del Goji si presenta alquanto facile poiché la pianta è rustica, resistente alla siccità e alle avversità. Preferisce terreni ben drenati e ricchi di humus, necessita di molta luce e calore per dare una buona fioritura e fruttificazione. L’allevamento viene fatto a spalliera e la raccolta si protrae da luglio a settembre con cadenza giornaliera poiché la maturazione è scalare.

Esperienze di coltivazione di Goji sono iniziate almeno una decina di anni or sono anche in Basilicata, per cui abbiamo sentito il parere di alcuni agricoltori. Purtroppo, in alcuni casi il vero business è stato quello di ditte che, proponendo contratti apparentemente interessanti, nei quali si impegnavano a fornire le piantine e a ritirare il prodotto ad un certo prezzo, hanno poi di fatto chiuso i rapporti con le aziende agricole poco dopo l'impianto.

Il principale limite, concordano gli agricoltori intervistati, sta nel costo dalla raccolta che incide fortemente in quanto avviene manualmente, ed un operaio riesce a raccogliere circa 8 kg di bacche al giorno.

Secondo Anna Camarda, che nel 2016 ha avviato una coltivazione di un ettaro di Goji in agro di Metaponto, il prezzo di vendita delle bacche fresche dovrebbe essere di almeno 20 € al kg per essere remunerativo per l’agricoltore. Ora, il conto è presto fatto: se si considera che il prodotto fresco subisce con l’essiccazione una perdita di peso tra l’80 e il 90%, e dovendo tenere in debito conto anche i costi da sostenere per una corretta essiccazione, il prezzo del prodotto secco salirebbe alle stelle e sarebbe fuori mercato rispetto alla concorrenza cinese. D’altra parte, è proprio il prodotto fresco che conserva inalterate tutte le sue proprietà benefiche per l’organismo. Nel nord Italia c’è più richiesta, asserisce la signora Camarda, che per un breve periodo ha inviato settimanalmente vaschette di prodotto fresco a Pordenone (Friuli), esperienza conclusasi per la notevole incidenza del costo di trasporto. Da circa un anno, però, è entrata in contatto con la “Mediterranean Goji”, una società che ha sede a Potenza e si occupa non solo di commercio all'ingrosso ed al dettaglio ma anche dell’intera filiera, a cominciare dalla ricerca dei migliori ecopiti di Lycium barbarum, dalla ricerca di sistemi di raccolta agevolata, e dall’assistenza tecnica dagli agricoltori, passando per la trasformazione in puree e succhi (figura 2), per finire con la promozione e la distribuzione del prodotto fresco e trasformato presso pasticcerie, gelaterie e aziende di ristorazione di un certo livello.

Creata da due potentini appassionati di piante, Giuseppe Vinci e Germano Spadino, la Mediterranean Goji si definisce “una rete di produttori uniti da principi di solidarietà e di condivisione”. La loro attività è iniziata nel 2016 con la selezione della varietà più promettente testata con prove fatte in Albania e in Sicilia, fino ad arrivare alle prove di trasformazione in succhi e puree che la società propone direttamente alle migliori gastronomie. Su loro richiesta, Annalaura Tammone, Chef Salutista (healthy chef) anche lei potentina, ha creato un dolce nuovo che prevede l'utilizzo di purea di bacche di Goji (figura 3). Il valore aggiunto di queste leccornie è dato proprio dal “made in Basilicata” della materia prima utilizzata, nonché dal marchio bio.

Molto interessante è il parere della Mediterranean Goji riguardo al prezzo che è possibile riconoscere all’agricoltore. Secondo la loro esperienza, e partendo dall’assunto che una filiera sostenibile deve garantire una remunerazione a ciascuno dei partecipanti, è possibile riconoscere un prezzo di 20 € al kg se però parliamo di bacche fresche integre, di prima scelta e con il peduncolo. Altrimenti il prezzo può arrivare al massimo a 15 € per bacche fresche senza peduncolo. Nel primo caso, conservando il peduncolo, la bacca si mantiene per più giorni (maggiore durata della shelf-life) e può essere destinata al consumo fresco; nel secondo caso viene utilizzata per la trasformazione.

D’altro canto, la Mediterranean Goji ha investito delle risorse nello studio di un sistema di raccolta meccanizzata, al quale si sta dedicando in particolare il socio Germano, ingegnere con comprovata esperienza, secondo cui “...i primi risultati sono incoraggianti; ora siamo nella fase di collaudo e di valutazione della qualità delle bacche raccolte con questo nuovo sistema”.

In conclusione, la strada da seguire è quella di puntare ad incentivare il consumo del prodotto fresco partendo dai potenziali consumatori presenti in zona, il che significa promuovere la conoscenza di questo prodotto, creare un riferimento sul mercato del prezzo del goji, dare al consumatore la garanzia di un prodotto italiano/lucano, e in tutto ciò la Mediterranean Goji si auspica un supporto da parte del settore pubblico.

Tra l’altro, puntare su un prodotto di qualità, italiano, biologico e a km zero corrisponde proprio all’auspicio che emerge dal documento pubblicato dalla Commissione europea a fine maggio, ovvero la strategia "Dal produttore al consumatore" (in inglese “Farm to Fork” ovvero “F2F”) al centro del Green Deal, la quale strategia affronta in modo globale le sfide poste dal conseguimento di sistemi alimentari sostenibili. 

Galleria immagini

×

Agrifoglio n. 97 -  

Temi
Agricoltura multifunzionale
Autori
Maria Assunta  Lombardi

Funzionario Alsia