Carta e penna

Passaggio di testimone
didascalia.

carotina estratta da ciliegio "maiatica", uno dei "patriarchi da frutto" di San Severino Lucano (PZ) .

Data:02 Mar 2021

E' stato difficile mettere ordine al turbinio delle mie emozioni mentre Gianluca Piovesan, della Università della Tuscia, estraeva intatta quella carotina dal fusto di un imponente albero del Pollino. Percepivo il senso della grandezza di accedere all'ignoto, ma mi fermavo all'intuizione. Al contrario, mi è stato facile immaginare cosa provasse lui, che aveva gli occhi spalancati, quasi a voler catturare tutta quella bellezza debordante.

L'uomo. Gianluca dirige il DendrologyLab dell'ateneo viterbese. Conosce il legno ed i suoi segreti, i suoi accrescimenti, li correla con l'accaduto, li esplora con modelli matematici e ricostruisce vicende che non si trovano nei libri di storia. Quello che io potevo solo immaginare, i suoi occhi esperti già vedevano in quei tessuti forgiati in decenni dal clima e dall'uomo, e ne comprendevano il valore.

L'albero. Un ciliegio maiatica, uno dei quasi 200 patriarchi da frutto segnalati all'ALSIA da viandanti e agricoltori. Varietà di frutti che si stavano estinguendo, e che i tecnici dell'Azienda Agricola Sperimentale dimostrativa dell'Agenzia "Pollino" di Rotonda (PZ) visiteranno uno per uno, raccogliendo ogni informazione utile per unire idealmente quei punti e costruire una rete preziosa. E rara.

Un vero censimento dei patriarchi da frutto della Basilicata, insomma, previsto dal progetto FiNoPom, finanziato dalla sottomisura 10.2 del PSR Basilicata 2014-20. Per andare a guardare dentro quei fusti, che hanno dovuto fare i conti con vicende antiche, tradizioni, climi avversi e benevoli, tutti che ne hanno condizionato l'esistenza. E che, alla fine, si sono fissati indissolubilmente in un autentico capitale legnoso pur regalando, ogni anno, frutti preziosi come interessi.

A preservare questo patrimonio antico di conoscenze a rischio di estinzione, pochi - appassionati - agricoltori custodi. Silenziosamente difendono con scarsi mezzi la loro e la nostra ricchezza: un dovere affiancarli in questo compito, e prenderne il testimone.

 

Agrifoglio n. 101 - Gennaio-Febbraio 2021

Temi
FINoPM
Autori
Sergio Gallo

dirigente ALSIA