Carta e penna

100, numero felice
didascalia.

L'editoriale del n. 1 di Agrifoglio.

Data:16 Dec 2020

"Divulgare è rendere noto a tutti o a molti, mediante gli ordinari mezzi di informazione... rendere accessibile ad un maggior numero di persone, per mezzo di un'esposizione non eccessivamente tecnica...". Nel 2004, nel primo "Carta e penna", editoriale della neonata rivista Agrifoglio dell'ALSIA, citavo la definizione del dizionario Devoto-Oli per spiegare ai nostri lettori quali sarebbero stati i termini del nostro patto. Un patto di conoscenza, di comprensione reciproca, oltre che di fiducia. 

Per 16 anni, "divulgare" è stata la nostra "modalità d'uso", il nostro approccio ad ogni argomento trattato. Per raccontarlo in modo semplice e, soprattutto, applicabile ai casi pratici. E di argomenti ne sono stati trattati tanti. Dapprima bimestrale cartacea, poi mensile in formato pdf da scaricare, poi autentica rivista on-line interamente autoprodotta, in questi 100 numeri Agrifoglio ha pubblicato poco meno di 3.000 contributi, senza contare le decine di supplementi monografici cartacei. Articoli e notizie, foto originali, commenti e riflessioni. Non un semplice house-organ autoreferenziale, annunciavamo nel n. 1: ed infatti, oltre il 60 per cento degli scritti pubblicati appartengono ad autori esterni, che hanno condiviso con noi la loro esperienza di ricerca o di impresa.

Quando intraprendevamo questo progetto, insieme al compianto e caro amico e collega Enzo Laganà, non avremmo sperato di andare avanti così tanto a lungo, e con i tanti riscontri positivi che abbiamo avuto da chi ci segue da anni. Non è un caso che questo numero "felice", e non solo per come lo definisce la matematica, richiami in qualche modo il buon Enzo con il Focus tutto dedicato alla agrobiodiversità e ai cambiamenti climatici: proprio a Enzo Laganà è dedicato infatti il premio che l'ALSIA ha istituito e riconosce per l'anno al migliore degli agricoltori-custodi lucani, autentico pilastro per la tutela e valorizzazione del nostro territorio.

16 anni e 100 numeri sono tanti, e non è facile stare sempre sul pezzo e mantenere sempre unite qualità e quantità. Ma ci proveremo ancora, magari con un progetto nuovo e più fruibile, sempre più rispondente ai ritmi ed alle esigenze dei lettori. Del resto, era il nostro auspicio fin dal primo numero che Agrifoglio, "parola composta, concatenazione di simboli", accompagnasse "per molto tempo il nostro comune percorso a servizio dell'agricoltura lucana".

 

Agrifoglio n. 100 -  

Temi
Autori
Sergio Gallo

ALSIA Basilicata