a. Supporto alla creazione di forme organizzative necessarie per introdurre e contestualizzare innovazioni di processo e di prodotto anche attraverso l’utilizzo di nuove e più sostenibili tecnologie di produzione, condizionamento, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli ed alimentari;
b. favorire la costituzione di forme di aggregazione tra cittadini per la gestione e l’utilizzo razionale dei beni pubblici di interesse agro-silvo-pastorale;
c. realizzare progetti di integrazione all'interno delle filiere agricole e dei distretti;
d. azioni per la diffusione della cultura d'impresa associata per l'aggregazione delle produzioni agroalimentari nel quadro della nuova Organizzazione Comune del Mercato (OCM unica);
e. organizzare la partecipazione, anche in raccordo con altri enti e soggetti pubblici e privati, a progetti di interesse regionale, interregionale, nazionale e comunitario, privilegiando forme di progettazione partecipata e di associazionismo tra imprese.