Vino: sospesi i termini per l'esame analitico dei DOP e IGP

Ecco cosa stabilisce il decreto del Ministero delle Politiche agricole

Data : 26 March 2020

Vini: la filiera non si ferma, gli esami chimico-fisici ed organolettici per i Dop e Igp si. A stabilire la sospensione dei termini per le analisi, a causa dell’emergenza Coronavirus, è il decreto n.936 del 23 marzo 2020 del  Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

Il decreto, in particolare,  sospende i termini di cui agli articoli 6 e 9 del DM 12 marzo 2019 recante “Disciplina degli esami analitici per i vini DOP e IGP, degli esami organolettici e dell’attività delle commissioni di degustazione per i vini DOP e del finanziamento dell’attività della commissione di degustazione di appello”.

I termini sospesi riguardano:

  • 6, comma 4: il termine entro cui l’organismo di controllo, a seguito dell’esito negativo dell’esame analitico, informa l’azienda interessata;
  • 6, comma 5: il termine entro cui l’azienda interessata, ricevuta la comunicazione di cui al punto precedente, può richiedere all’organismo di controllo un eventuale nuovo prelievo;
  • 6, comma 6: il termine entro cui l’azienda interessata può presentare ricorso contro l’esito negativo di cui ai punti precedenti;
  • 9, comma 8: il termine entro cui l’organismo di controllo comunica all’azienda interessata il giudizio di “non idoneità” o il giudizio di “rivedibilità” a seguito dell’esame organolettico da parte della commissione di degustazione;
  • 9, commi 9 e, di conseguenza, 10 ovvero il termine entro cui l’azienda interessata può richiedere una nuova campionatura per il definitivo giudizio, nei casi in cui il campione è risultato “rivedibile”;
  • 9, comma 11 : il termine entro cui l’azienda interessata può presentare ricorso presso la Commissione d’appello, in caso di giudizio di “non idoneità”.

 

M. Agata