Prodotti di montagna, altre 51 aziende della Basilicata nell'elenco approvato dal MIPAAF

L'aggiornamento di febbraio evidenzia l'intensa azione di sostegno dell'ALSIA a questa indicazione facoltativa di qualità

Il logo di

Il logo di "prodotto di montagna" su uno dei prodotti della Basilicata

Data : 06 March 2021

Olio extravergine di oliva, vino, grano duro e derivati, carni fresche e trasformate, prodotti ortofrutticoli e cereali trasformati e non trasformati, piante officinali, latte e prodotti caseari, prodotti apistici: un elenco lunghissimo, quello dei nuovi prodotti con indicazione facoltativa di qualità "Prodotto di montagna" della Basilicata riconosciuti nel febbraio 2021 dal MIPAAF, il Ministero delle Politiche agricole Alimentari e Forestali, a 51 aziende lucane.

L’indicazione di “Prodotto di montagna” è riservata alle materie prime che provengono essenzialmente dalle zone montane, nonché agli alimenti trasformati, quando la trasformazione e la stagionatura e la maturazione abbiano luogo in altura. 

Tutte le proposte ammesse dal MIPAAF nell'ultimo aggiornamento dell’Elenco dei prodotti di montagna della Basilicata sono state segnalate nel gennaio scorso dall'ALSIA, grazie soprattutto all’intenso lavoro di affiancamento e supporto offerto dall’Azienda sperimentale dimostrativa “Pollino” dell’Agenzia alle aziende agricole del territorio. Sale quindi a 158 il numero complessivo delle aziende lucane che possono fregiarsi del prestigioso "logo verde" nell'elenco istituito nel 2018.

CLICCA QUI e scarica l'elenco completo aggiornato

Redazione