Incendi in Basilicata, pronto un GIS per la consultazione on-line

L'applicativo, aggiornato ai dati 2004-2019, è disponibile gratuitamente sulla Infrastruttura Regionale dei Dati Spaziali (RSDI)

Un'immagine dell'applicativo incendi della RSDI della Regione Basilicata

Un'immagine dell'applicativo incendi della RSDI della Regione Basilicata

Data : 19 February 2021

Un applicativo per visualizzare dal web le aree percorse da incendi dal 2004 in Basilicata. E’ quanto ha attivato la Regione Basilicata sul geoportale regionale, nell’ambito delle azioni previste nel Programma Antincendio Regionale 2018-2020.

Si tratta di un potente strumento di consultazione, aggiornato a tutto il 2019 e gratuito, disponibile sulla Infrastruttura Regionale dei Dati Spaziali della Regione Basilicata (RSDI), che rappresenta il principale canale di diffusione delle informazioni sul territorio lucano. La RSDI fornisce materiali aggiornati sulla produzione cartografica tecnica e tematica consentendo la visualizzazione on-line delle cartografie e il catalogo dei geodati.

L’applicativo consente di ottenere facilmente numerose informazioni, tramite un semplice collegamento internet. Per esempio, inserendo il comune e l’anno di riferimento compreso nell’intervallo 2004-2019, il data base restituisce l’elenco di tutti gli incendi verificatisi in quel comune distinti per data, categoria e località. Di ciascun evento è possibile visualizzare la mappa, e scaricare il report dell’incendio (in formato pdf o excel). I report e le elaborazioni spaziali utilizzano lo strato informativo catastale della RSDI aggiornato alla data del 31 Gennaio 2021, intersecato spazialmente con il poligono dell’incendio. Il sistema rende anche disponibili i metadati, i servizi web (wms, wfs) e il download dei poligoni degli incendi (raggruppati per anno).                        

La creazione di un Web Gis dedicato alle aree percorse dal fuoco – è detto in una nota della Regione – punta a supportare le amministrazioni comunali nell’aggiornamento del Catasto incendi previsto dalla Legge 21 novembre 2000, n. 353 (“Legge-quadro in materia di incendi boschivi”) che, quando pienamente attuato, costituisce un valido strumento per la protezione dei boschi.

“Il nuovo strumento – ha commentato l’assessore regionale alle Politiche Agricole e Forestali, Francesco Fanelli, come riportato nella nota regionale - al quale ha lavorato l’Ufficio Foreste e Tutela del Territorio con il supporto tecnico dell’Ufficio Amministrazione Digitale, consentirà ad Enti, professionisti e proprietari di aree boscate di avere contezza delle superfici effettivamente percorse dal fuoco, con i relativi identificativi catastali, per la corretta applicazione dei divieti e delle prescrizioni previste dalla vigente normativa nazionale e regionale”.

“Il Dipartimento – ha precisato l’assessore - intende garantire ulteriore supporto a tutti i soggetti coinvolti con iniziative divulgative e formative sull’utilizzo dell’applicativo incendi e dei contenuti digitali ad esso correlati. L’iniziativa si pone quale ulteriore implementazione della perimetrazione delle aree percorse dal fuoco resa disponibile dai Carabinieri Forestali, da sempre impegnati insieme alla Regione nella tutela del patrimonio forestale, connotato da elevata valenza ambientale e paesaggistica”.

CLICCA QUI e accedi al servizio della RSDI sulle aree percorse dal fuoco

Redazione