Forestazione e imboschimento: dalla Regione Basilicata 19 milioni di contributi

Sul Bur il bando della Sottomisura 8.1.1. Fanelli: "Un sostegno alle attività di cura e manutenzione del territorio lucano"

Data : 21 January 2021

Forestazione e imboschimento: dalla Regione Basilicata un bando di circa 19 milioni di euro.  Previsti contributi per “i soggetti pubblici e privati, anche in forma associata, che siano proprietari e/o gestori di terreni agricoli e non agricoli”.

Il bando, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione n. 7 del 16 gennaio 2021, rientra fra le azioni della Sottomisura 8.1.1 del Programma di sviluppo rurale 2014/2020 per l’annualità 2020.

L’importo minimo di ogni progetto deve essere pari o superiore a 22.500  euro; l’importo massimo finanziabile per progetto è di 150 mila euro. L’aiuto è concesso sotto forma di contributo in conto capitale al 100%. Per i rimboschimenti su superfici agricole è previsto un contributo massimo di 7.500 euro ad ettaro per i costi di impianto, un premio annuo per la manutenzione di 266 euro per ettaro all’anno per un massimo di 12 anni ed un contributo per la perdita di reddito di 600 euro per ettaro all’anno per un massimo di 12 anni. Per i rimboschimenti su superfici non agricole è previsto un contributo massimo di 7.500 euro ad ettaro per i costi di impianto ed un premio annuo per la manutenzione di 266 euro per ettaro all’anno per un massimo di 12 anni.

“Con questa azione – afferma l’assessore regionale alle Politiche agricole e forestali Francesco Fanelli – la Regione punta a sollecitare e sostenere l’iniziativa dei soggetti pubblici e privati che svolgono un ruolo essenziale nella cura e nella manutenzione di un territorio di grande qualità quale è quello lucano. Intendiamo quindi valorizzare le specie forestali ed arboree autoctone, adatte cioè alle condizioni ambientali e climatiche del nostro territorio, che se ben impiegate possono contribuire anche alla difesa del suolo e alla sistemazione dell’assetto idrogeologico. Anche così si valorizza la nostra terra e si aiuta chi vive e opera nel settore agricolo a continuare a svolgere una funzione importante nell’economia e nella società regionale”.

 L'investimento è ammissibile se realizzato in Basilicata su terreni che negli ultimi 5 anni non sono stati dichiarati o riconosciuti come bosco, dove l’uso non sia pascolo o prato permanente, in terreni ricadenti in siti Natura 2000. L’impianto da realizzare deve avere una dimensione maggiore o uguale a 3 ettari.

Tutti i partecipanti al bando devono possedere il fascicolo aziendale aggiornato. Per la presentazione delle domande sono previste due fasi: il rilascio della domanda di sostegno sul portale SIAN entro 80 giorni dalla pubblicazione del bando sul BUR; la candidatura della domanda attraverso la piattaforma informatica “SIA-RB” entro 90 giorni dalla pubblicazione del bando sul BUR.

M. Agata