Economia circolare, un data base per la raccolta di buone pratiche

Iniziativa di Unioncamere e Camera di Commercio della Basilicata, tramite l'Azienda speciale ASSET Basilicata. Favorirà lo scambio di idee e conoscenze

Data : 08 March 2022

Buone pratiche di economia circolare: ora ogni impresa potrà inserirle in un data base. L'iniziativa è di Unioncamere e della Camera di Commercio della Basilicata, tramite la propria Azienda Speciale Asset Basilicata, che supportano le imprese del territorio nella raccolta e pubblicazione di queste attività significative e virtuose.

"La riconversione verso un modello di economia circolare - è detto in una nota - risponde a un’esigenza di tutela e sostenibilità ambientale finalizzata principalmente alla diminuzione dell’utilizzo e dello sfruttamento di materie prime e a una riduzione della produzione e dello smaltimento di rifiuti. È una transizione che favorisce la riconversione delle attività produttive mantenendo il più a lungo possibile il valore dei prodotti, dei materiali e delle risorse attraverso il riutilizzo, la rigenerazione e il riciclo. Il Sistema camerale persegue questo obiettivo anche attraverso azioni volte a favorire lo sviluppo e la diffusione delle buone pratiche in stretta collaborazione con la Piattaforma Italiana degli attori dell’Economia Circolare. Il database ICESP è costruito grazie alla collaborazione di tutti i partecipanti che hanno compilato le schede di buone pratiche di economia circolare. L’obiettivo è rappresentare una panoramica completa, convergente ed integrata del Paese in tale ambito, per promuovere il modo italiano per fare economia circolare (Italian way for circular economy)".

Chiunque abbia esperienze, pubblicazioni o eventi interessanti da segnalare, da condividere con altri attori interessati all'economia circolare, potrà inviarli ad uno specifico ìteam editoriale tramite una piattaforma informatica. Uno degli obiettivi della piattaforma è quello di permettere, alla comunità dell'economia circolare nazionale, lo scambio di idee, strategie, buone pratiche, conoscenze, in modo più efficiente. 

CLICCA QUI per ulteriori informazioni e per accedere alla piattaforma.

 

Redazione

Le donne vittime di violenza e stalking attraverso il numero verde 1522, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per le pari opportunità, attivo 24 ore su 24 e accessibile da tutto il territorio nazionale, possono chiedere aiuto e sostegno nonché ricevere informazioni. L'assistenza telefonica consente un graduale avvicinamento ai servizi con assoluta garanzia di anonimato.
Il Comitato Unico di Garanzia dell' ALSIA