Diamo una casa alle api per salvare gli impollinatori e la biodiversità

E' il progetto lanciato per realizzare "Bee hotel" in orti, parchi urbani e Oasi del WWF

Data : 22 September 2020

Gli impollinatori sono fondamentali per l’equilibrio dell’ecosistema e la salvaguardia della biodiversità  “Diamo una casi alle api” è il progetto  lanciato da  WWF e Intesa San Paolo per assicurarne la sopravvivenza.

Le misure adottate finora dall'UE, secondo nuova relazione della Corte dei conti europea, non sarebbero sufficienti a garantire la protezione di specie come api, bombi, coleotteri, vespe e farfalle.

Un aspetto critico per l’ambiente, considerando che le api rivestono un ruolo importante per tutto l’ecosistema: come sottolineato dal WWF, l’impollinazione rappresenta uno dei servizi ecosistemici più importanti forniti dalla natura per il benessere umano e per la nostra economia.

Delle circa 1.400 piante che nel mondo producono cibo e altri prodotti quasi l’80% richiede l’impollinazione da parte di animali. In Europa l’84% delle principali colture coltivate per il consumo umano, come molti tipi di frutta e verdura, hanno bisogno dell’impollinazione degli insetti per migliorare la qualità ed i rendimenti dei raccolti.

Considerando le sole api selvatiche si tratta di un vero e proprio esercito di oltre 20mila specie che insieme garantiscono l’impollinazione dei fiori da cui dipende il 35% della produzione agricola mondiale. Attualmente più del 40% delle specie di invertebrati, in particolare api e farfalle, rischiano di scomparire.

Le cause sarebbero da ricondurre a molteplici fattori, come la gestione intensiva dell’agricoltura, l’uso di pesticidi, il cambiamento climatico, l’inquinamento ambientale e le specie esotiche invasive.

Grazie al sostegno ricevuto da chi parteciperà al progetto di crowdfunding, WWF Italia realizzerà in almeno 20 Oasi WWF aree per l’alimentazione degli impollinatori attraverso la semina di piante nettarifere in aree dedicate, collocherà in orti, parchi urbani e Oasi delle Case delle Api o “Bee Hotel”, rifugi specifici per api e altri insetti per favorire la nidificazione ed infine posizionerà alcune camere trap per misurare le abitudini delle api e la manutenzione periodica delle aree affinché possano essere sempre accoglienti per gli impollinatori e visitabili dagli ospiti delle Oasi.

M.Agata