Attacchi al Made in Italy, nasce la campagna #MangiaItaliano

Coldiretti lancia l'iniziativa dopo il caso del video francese e la concorrenza sleale ai prodotti italiani

Ettore Prandini presidente di Coldiretti

Ettore Prandini presidente di Coldiretti

Data : 05 March 2020

Il caso del video sulla pizza-coronavirus lanciato in Francia è solo la punta dell'iceberg. Lo ha spiegato il presidente di Coldiretti Ettore Prandini che dopo l'incontro con il Premier Giuseppe Conte ha annunciato l'avvio della campagna #MangiaItaliano pe combattere i tentativi di delegittimazione delle eccellenze del nostro Paese. L'iniziativa vuol coinvolgere agriturismi, ristoranti e mercati insieme alle strutture commerciali più virtuose. “Serve un impegno delle autorità nazionali e comunitarie per fermare pratiche insensate che rischiano di far perdere quote di mercato importanti alle produzioni nazionali per colpa di una concorrenza sleale che mira a screditare i prodotti dall’Italia che sono sani e garantiti come prima” ha sottolineato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini  - serve anche ricostruire un clima di fiducia nei confronti del marchio Made in Italy che rappresenta nell’alimentare una eccellenza riconosciuta sul piano qualitativo e sanitario a livello comunitario ed internazionale”. 
Coldiretti ha anche diffuso dati inequivocabili sul peso che l'agricoltura italiana ricopre in particolare sul mercato green con 297 Dop/Igp, 415 vini Doc/Docg 5155 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole bio, 40mila aziende agricole impegnare nel custodire semi o piante a rischio di estinzione e il primato della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,8%) contro l’1,3% della media Ue o il 5,5% dei prodotti extracomunitari.

Redazione