Approvato il Piano di abbattimento dei cinghiali

La Regione ha prorogato al 31 gennaio anche la chiusura della stagione venatoria dopo la sospensione per Covid

La Regione Basilicata ha approvato il Piano di abbattimento dei cinghiali

La Regione Basilicata ha approvato il Piano di abbattimento dei cinghiali

Data : 15 January 2021

La giunta regionale ha approvato il Piano di abbattimento dei cinghiali Toccherà ora agli Ambiti territoriali di caccia pubblicare gli avvisi di selezione degli operatori abilitati all’esercizio del prelievo del cinghiale, esclusivamente per il reclutamento dei neo abilitati al prelievo selettivo. Sempre gli Ambiti dovranno, entro dieci giorni, dare applicazione al programma previsto e dare comunicazione mensile agli uffici della Regione“ con una relazione dettagliata sul numero dei capi abbattuti e entità dei danni all’agricoltura causati dalla specie e  suddivisi per Comune. Gli abbattimenti potranno essere svolti nel  2021, tutti i giorni della settimana tranne lunedì, martedì, venerdì, prelevando 5.600 capi secondo la ripartizione riportata nel piano che prevede anche  la possibilità del prelievo di urgenza o su chiamata. Il piano di controllo triennale 2021-2023 ha l’obiettivo di ridurre di almeno il 30%  le richieste dei danni causati alle colture agricole. Commenta l'assessore regionel alle Politiche agricole Francesco  Fanelli: "Oltre a causare danni diretti e indiretti alle colture agricole e forestali, la presenza dei cinghiali nelle vicinanze dei centri abitati desta preoccupazione e allarmismo nei cittadini, mettendo a rischio l’incolumità delle persone". 
La Regione ha inoltre previsto la proroga al 31 gennaio della chiusura dell'attività venatoria le specie beccaccia, tordo bottaccio, tordo sassello e cesena. 
 

Antonella Ciervo